Menu

L'elisir di lunga vita? Sta tutto nel menù

12 aprile 2013 • alimentazione 1771
Roma - Limitare l'uso di cibi precotti e di bevande alcoliche, mangiare 400 grammi di frutta e verdura ogni giorno, sostituire i condimenti con l'olio di oliva, non consumare mai i pasti in modo frettoloso, fare almeno trenta minuti al giorno di moderata attività  fisica. Le regole per restare in salute dovrebbero ormai essere note a tutti, eppure sono in pochi coloro che le rispettano. Soprattutto, ancora in pochi sanno che il mangiare sano può aiutare a prevenire non solo l'obesità  ma anche malattie cardiovascolari, disturbi neurodegenerativi, diabete, cancro, osteoporosi. Nei bambini così come negli adulti. Attualmente in Europa i problemi di salute - oltre che i costi sociali - legati alla cattiva alimentazione superano quelli causati dal fumo e provocano un tasso di mortalità  e disabilità  di cento volte superiore rispetto a quello delle intossicazioni alimentari. Non solo: l'obesità  è diventata in tutto il mondo occidentale una vera e propria epidemia, con una preoccupante incidenza tra i bambini. Lo dicono le statistiche e lo dimostrano le più recenti ricerche scientifiche. Proprio del legame tra salute e nutrizione, di politiche alimentari europee e sicurezza dei cibi si parlerà  alla nona Conferenza Europea sulla Nutrizione che si svolgerà  dal 1 al 4 ottobre 2003 a Roma, negli edifici della Fao. L'evento - cui parteciperanno 1.500 delegati tra i maggiori esperti internazionali di nutrizione umana e i più importanti esponenti del mondo accademico europeo - è promosso ogni quattro anni dalla Federazione delle Società  di Nutrizione Europee (Fens), che affida l'organizzazione a una delle società  affiliate. Quest'anno tocca alla Società  Italiana di Nutrizione Umana (Sinu), associazione scientifica senza scopo di lucro che dal 1963 riunisce i maggiori esperti italiani di nutrizione e che ha il merito di aver elaborato e di aggiornare periodicamente i Livelli di Assunzione Raccomandati di Nutrienti per la popolazione italiana (Larn). Il ruolo della nutrizione nella prevenzione delle malattie croniche è stato oggetto di numerosi studi scientifici, da ultimo il rapporto Dieta, nutrizione e prevenzione delle malattie croniche dell'Organizzazione Mondiale della Sanità . I dati dimostrano che l'inattività  fisica e l'eccesso di calorie quotidiane aumentano il rischio di sviluppare obesità  e patologie gravi: per questo nei Paesi industrializzati i governi nazionali, gli enti locali e l'opinione pubblica in generale concentrano sempre più la loro attenzione sul tema della corretta alimentazione. E se da un lato tra i consumatori è aumentata la consapevolezza del cibo e dell'attività  fisica come fattori di promozione della salute, dall'altro le statistiche non sono incoraggianti. Secondo la Relazione sullo stato sanitario dell'Italia 2001-2002, il numero degli obesi è in netta crescita: attualmente sono 4 milioni, ben il 25 per cento in più rispetto al 1994. Non solo: solo il 21 per cento della popolazione adulta pratica sport una volta alla settimana o più e un bambino su cinque non fa alcuna attività  fisica. La Conferenza Europea sulla Nutrizione intende proprio sottolineare il ruolo dei fattori nutrizionali nella genesi delle malattie croniche e l'importanza di politiche europee mirate a promuovere uno stile di vita salutare e un regime alimentare corretto. Durante i quattro giorni di sessioni plenarie, simposi e sessioni speciali si discuteranno la nutrizione nei bambini, negli adolescenti e negli anziani, l'allattamento al seno, gli alimenti funzionali, le nuove tecniche di produzione e conservazione del settore agro-alimentare, gli organismi geneticamente modificati, l'attività  fisica e gli stili di vita salutari. Si parlerà  inoltre delle politiche europee per la ricerca in nutrizione, per la formazione dei nutrizionisti e per la promozione della corretta alimentazione. Una delle sessioni plenarie sarà  dedicata in modo specifico al Nutrition Action Plan for Europe messo a punto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità . La Conferenza sarà  infine l'occasione per presentare i risultati di alcuni dei più importanti studi realizzati nell'ambito dei programma europeo Nutrizione e salute con il finanziamento della Commissione Europea.

Condividi:


Post correlati
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e consente l’invio di cookie “terze parti”. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie policy, da cui è possibile negare il consenso all’installazione di qualunque cookie.

A+ A-
Ridimensiona i caratteri del testo
cliccando i bottoni a fianco.
OK