Menu

Nuova terapia potrà ridurre il danno conseguente all'infarto

11 dicembre 2013 • curarsi 1698
Negli ultimi anni i medici hanno imparato che non tutti i danni derivanti da un attacco di cuore sono causati dall'attacco di cuore recentemente subito. In molti casi, il tessuto cardiaco può risultare danneggiato anche dopo che il flusso sanguigno si è restaurato.

Ora i ricercatori stanno sviluppando un trattamento che combatte questo danno post-infarto, che causa un accumulo di fluido attorno all'area del cuore danneggiata. I risultati dello studio sono pubblicati nell'edizione di Marzo del Journal of Clinical Investigation.

Durante l'attacco di cuore un segnala arriva alle arterie vicino alla zona dell'attacco. Questo segnale promuove la formazione di nuovi vasi sanguigni. Tuttavia, esso provoca inoltre una maggiore permeabilità  delle arterie, con il risultato di perdite attorno all'area coinvolta.

Questo accumulo di fluido, chiamato edema, può uccidere molto più tessuto cardiaco nelle ore e giorni successivi ad un attacco, sebbene sufficiente sangue ricco di ossigeno raggiunga il cuore.

Il trattamento sperimentale blocca il complesso processo che causa la perdita attraverso i vasi sanguigni. Dai tests di laboratorio sembra che il trattamento riduca sensibilmente il danneggiamento del tessuto fino a sei ore dopo l'attacco cardiaco.

Più di un milione di americani soffrono di attacchi cardiaci ogni anno, oltre 500.000 a seguito dell'attacco iniziale e molti ad un anno dall'attacco. I sopravissuti ad un attacco cardiaco devono spesso coesistere con cuori indeboliti che necessitano pacemakers, terapia farmacologia e trattamenti invasivi ( Bypass, angioplastica, stents,ecc.). Limitando il danno, le devastanti conseguenze di un attacco di cuore potrebbero essere minimizzate.
Enrico Sironi

Fonte: Heartcenteronline

Condividi:


Post correlati
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e consente l’invio di cookie “terze parti”. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie policy, da cui è possibile negare il consenso all’installazione di qualunque cookie.

A+ A-
Ridimensiona i caratteri del testo
cliccando i bottoni a fianco.
OK